Caratteristiche del PS – Polistirene

Caratteristiche del PS – Polistirene

IL PS – POLISTIRENE

Il Polistirene (o polistirolo) è un polimero aromatico termoplastico amorfo che appartiene alla famiglia delle resine stireniche. Il PS è uno tra i materiali termoplastici presenti da più tempo sul mercato: il suo sviluppo risale infatti alla prima metà del ‘900. Inoltre, il polistirene è un polimero termoplastico caratterizzato da bassa densità (1,05 g/cm3), il suo passaggio allo stato liquido viscoso avviene attorno ai 185° C, con variazioni a seconda del suo grado. Nell’articolo di oggi andremo ad analizzare tutte le principali caratteristiche del PS – Polistirene.

Caratteristiche del PS - formula
Formula chimica del PS

LE CARATTERISTICHE DEL PS – I PRO

  • In generale, possiede discrete proprietà meccaniche.
  • Presenta un ridotto ritiro in fase di lavorazione che garantisce una ottima stabilità dimensionale al manufatto.
  • È un materiale di facile lavorabilità.
  • Ha un buon livello di rigidità.
  • Ha buone proprietà elettriche e dielettriche (infatti è un ottimo isolante per condensatori).
  • Le caratteristiche termiche sono molto buone e presenta una ridotta conduttività termica che lo rende un valido isolante termico.
  • È un materiale molto leggero.
  • È un materiale piuttosto economico.
  • Resiste a soluzioni alcaline, alcoli (eccetto alcol più elevati), acidi minerali concentrati e diluiti (tranne agli acidi ossidanti), agenti chimici acquosi.
  • Anigroscopico: è impermeabile all’acqua (ma permeabile al vapore acqueo).
  • Può essere utilizzato per realizzare manufatti anche molto complessi.
  • Ottima colorabilità: è colorabile in qualsiasi tinta, sia trasparente che opaca.
  • Tal quale, presenta un elevato grado di trasparenza.

LE CARATTERISTICHE DEL PS – I CONTRO

  • Fragilità a bassi spessori.
  • Tende a fessurarsi sotto sforzo.
  • Se tal quale, offre una bassa resistenza a raggi UV.
  • Non resiste a solventi organici, benzina, chetoni (come l’acetone), idrocarburi aromatici e clorurati, oli di eteri.
  • Ha una bassa resistenza all’abrasione.
  • Non è adatto ad usi esterni poiché suscettibile di incrinature.
  • Ha scarsa resistenza alla corrosione e all’usura.
  • È poco resistente al calore.
  • Il suo processo di biodegradazione è molto lento.

LE TECNOLOGIE DI TRASFORMAZIONE

Il PS è in genere lavorato con le seguenti tecnologie:

  • lo stampaggio a iniezione (che è il metodo di lavorazione prevalente);
  • il soffiaggio;
  • l’estrusione;
  • la termoformatura.

I SETTORI APPLICATIVI

Il polistirene, sia tal quale, sia nelle versioni copolimero e blend, trova il suo impiego in svariati settori:

  • casalinghi: le custodie per i CD, cancelleria (ad esempio righelli, goniometri…);
  • elettronica;
  • arredamento;
  • edilizia;
  • elettrodomestici, come i frigoriferi e le radio;
  • industria alimentare: i piatti, le posate, i vasetti di yogurt, i bicchieri;
  • imballaggi;
  • farmaceutica/medicale: i contenitori, gli strumenti usa e getta;
  • cosmesi: i contenitori, i pettini, i rasoi;
  • gadget per animali domestici: gli abbeveratoi, i sifoni.
Articoli PS - Polistirene

CONSIDERAZIONI FINALI

Il polistirene è un polimero termoplastico molto valido per una buona selezione di settori e applicazioni. Inoltre, è una delle commodity più economiche e versatili disponibili sul mercato.

Per concludere, studi recenti sembrano dimostrare che il monomero stirene sia potenzialmente cancerogeno, tuttavia tale rischio non è davvero significativo. Vi lasciamo con un articolo in merito che spiega in maniera più approfondita questo tema.